25 marzo a Londra, con Bill Emmott e Antonio Caprarica

Martedì 25 marzo modererò l’incontro La Svolta Buona!? Renzi and the new Italy in his own words a King’s College London, ospiti l’ex direttore dell’Economist Bill Emmott e l’ex corrispondente Rai da Londra Antonio Caprarica.

Sarà un’occasione per ragionare delle parole di Renzi e di cosa è rimasto della mai troppo amata Seconda Repubblica: appuntamento martedì 25 marzo alle 18:30 allo Strand Campus di King’s College, Room S-2.08, qui l’evento Facebook.

Invitation London KCL 25 Mar 2014

Scajola assolto (a sua insaputa?)

Protagonista di una delle uscite più infelici della storia politica recente, l’ex ministro Claudio Scajola è stato assolto oggi dalle accuse di finanziamento illecito in relazione alla casa comprata «a sua insaputa» davanti al Colosseo.

16:18 – L’ex ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, è stato assolto in merito alla vicenda della compravendita della casa al Colosseo. Il giudice ha infatti stabilito che il fatto non costituisce reato. Alla lettura della sentenza in aula a Roma, l’ex ministro è scoppiato in lacrime. Prosciolto anche Diego Anemone per la prescrizione del reato nell’ambito del processo sulla compravendita. L’imprenditore era accusato di finanziamento illecito.

(continua a leggere sul sito di TGCOM24)

“Il crollo” fa assolvere due giornalisti: “papi girl” non è diffamazione

Notizia davvero curiosa da Avellino: un giudice, rigettando la querela presentata contro due giornalisti da Emanuela Romano – fondatrice, con Francesca Pascale, del comitato “Silvio ci manchi” -, ha sentenziato che l’espressione “papi-girl” non costituisce diffamazione.Ma quel che più incuriosisce è che Il crollo è entrato nelle motivazioni del magistrato, come ‘fonte’ per la decisione:

In otto pagine di motivazioni il giudice ricostruisce genesi e significato dell’espressione «Papi girl», inserita peraltro nel «Dizionario semiserio delle 101 parole che hanno fatto e disfatto la Seconda Repubblica» pubblicato da Lorenzo Pregliasco per Editori Riuniti. «Il Tribunale osserva che con l’espressione giornalistica Papi-girl, di cui si duole la parte offesa, si vuole indicare quel gruppo di giovani e belle ragazze che negli ultimi anni sono balzate agli onori della cronaca per avere intessuto rapporti di amicizia e di frequentazione con l’ex presidente del Consiglio Berlusconi, e che in alcuni casi hanno rivestito importanti cariche nelle istituzioni, locali e nazionali, spesso contraddistinguendosi per una forte identificazione personale e politica nella figura del Presidente Berlusconi

(Corriere del Mezzogiorno, 25 settembre 2013)

Con Ezio Mauro a Torino Spiritualità, il video

Vi propongo il video del mio incontro di venerdì sera con il direttore di Repubblica Ezio Mauro al Circolo dei lettori di Torino. Abbiamo parlato dell’importanza di scegliere le parole e del ruolo del giornalismo, ma anche di come il linguaggio – dalla neolingua del dibattito politico alle parole forti di Papa Francesco, Obama, Martin Luther King – possa ispirare e creare comunità.
Al termine è anche intervenuto Gustavo Zagrebelsky, con una riflessione sul ruolo della cultura.