Archivi tag: lorenzo pregliasco

Con Ezio Mauro a Torino Spiritualità, il video

Vi propongo il video del mio incontro di venerdì sera con il direttore di Repubblica Ezio Mauro al Circolo dei lettori di Torino. Abbiamo parlato dell’importanza di scegliere le parole e del ruolo del giornalismo, ma anche di come il linguaggio – dalla neolingua del dibattito politico alle parole forti di Papa Francesco, Obama, Martin Luther King – possa ispirare e creare comunità.
Al termine è anche intervenuto Gustavo Zagrebelsky, con una riflessione sul ruolo della cultura.
 

Venerdì alla Festa Democratica di Torino con Gambarotta e D’Ottavio

Invito-presentazione-libro-Festa-Democratica-TorinoVenerdì 30 agosto alle 18, all’interno della Festa Democratica di Torino (piazza D’Armi, corso Montelungo angolo corso Galileo Ferraris), dibattito sul libro Il crollo e sul linguaggio della politica italiana insieme all’autore e scrittore Bruno Gambarotta e al deputato Pd Umberto D’Ottavio.

Treccani, speciale su “Il crollo”

Il sito dell’Enciclopedia italiana Treccani dedica un ampio speciale alle parole della politica italiana a partire dal libro Il crollo, all’interno del magazine di Lingua italiana curato da Silverio Novelli.

Introduce un colloquio (intitolato Politica: un temporale ciclico di parole nuove) fra Lorenzo Pregliasco, autore di Il crollo, e il linguista Gian Luigi Beccaria, curatore della postfazione al volume:

È risaputo che anche le parole importanti progressivamente si svuotano, nel dibattito politico: le grandi parole, come democrazia, libertà, giustizia, sembrano aver perso la propria forza, il proprio senso. E sempre più si usano parole che soltanto in apparenza sono chiare, solide, concrete: si parla di programmi o proposte concrete – ma poi quel concreto risulta vago e generico –, di vere riforme – quali? –, di vera giustizia, seria e responsabile.

Sono poi presentate tre voci pescate dal dizionario – casta, milleproroghe e papi – e commentate da tre studiosi di diverse discipline (Valentina Grassi, Giulio Vesperini e Nicola Boccianti).

Buona lettura!